incipit

3 gennaio 2009

Ecco, questa non mi sembra male come prima domanda: esiste qualcosa di più bello?

Annunci

10 Risposte to “incipit”

  1. marcolenzi said

    no.
    (a questo punto, però, potrei anche chiudere il blog).

  2. bacci said

    si, e siamo da capo. oppure: no, e dai e via e comincia la discussione; e la definizione di bello, e cosa si intende? e che vuol dire? e via e via e non si finisce più. “A me mi garba” può bastare? e si alza l’imbecille che dice “non si dice A ME MI” e via e via

  3. Tiziano said

    Gli aggettivi riferiti a nomi indicanti enti non misurabili non ammettono il superlativo assoluto, ma forse in questo caso è inammissibile l’aggettivazione.

  4. gadilu said

    “Gli aggettivi riferiti a nomi indicanti enti non misurabili non ammettono il superlativo assoluto”.

    Allora espressioni tipo “l’amore più grande” sarebbero inammissibili? Suvvia.

  5. Tiziano said

    Allora espressioni tipo “l’amore più grande” sarebbero inammissibili? Suvvia.

    Bene. Perciò posto che, ovviamente, è possibile affermare qualsiasi cosa, tu saresti in grado di enunciare con convinzione quale sia l’amore più grande? Se sia più grande l’amore della zia del Barsotti per il suo cane o quello di suor Evelina per l’Altissimo? Nel caso di Feldman: l’aggettivazione è inammissibile (per iperbole, ovviamente) a causa della particolare bellezza del pezzo. Sottolineavo l’indicibilità della bellezza.
    Ad ogni modo: Lyndon Johnson diceva, a ragione, che non si dovrebbe fornire spiegazione di ciò che diciamo e facciamo. Non credo sia una questione stile, sono portato a pensare, piuttosto, che qualsiasi spiegazione finisce per essere insufficiente.

  6. gadilu said

    Penso che ognuno, soggettivamente, possa misurare l’intensità dei propri sentimenti e attribuire loro, talvolta, una misura che non è ovviamente accertabile intersoggettivamente. Insomma, le tue obiezioni al riguardo ricordano un po’ quelle di Wittgenstein quando se la prendeva con il linguaggio “vago” della filosofia o della morale. Salvo che, poi, lui consigliava di non farsi troppe beffe di chi asserisce qualcosa che corrisponde esattamente alle rifrazioni dei cristalli logici.

    Non so se Lyndon Johnson avesse ragione. Ma a me pare che ogni tanto, invece, qualche ragione possiamo anche addurla. Tanto per non passare da cafoni.

  7. gadilu said

    Sopra è saltato via un “non”: lui consigliava di non farsi troppe beffe di chi asserisce qualcosa che NON corrisponde esattamente alle rifrazioni dei cristalli logici.

  8. Tiziano said

    “Penso che ognuno, soggettivamente, possa misurare l’intensità dei propri sentimenti e attribuire loro, talvolta, una misura che non è ovviamente accertabile intersoggettivamente”.

    Hai ragione. Infatti il linguaggio è tanto più espressivo quanto più è trasgressivo verso le regole grammaticali e divergente rispetto alla logica. Poi, forse, c’è un tempo per la logica e un tempo per una schilleriana indistinta, sublime e ingenua riunificazione con la Natura. Non era certo mia intenzione censurare il superlativo usato da Marco, semmai volevo (e l’ho fatto in un modo un po’ barocco) sottolineare l’indicibilità della bellezza quando è avvertita come profondissima.

    “Non so se Lyndon Johnson avesse ragione. Ma a me pare che ogni tanto, invece, qualche ragione possiamo anche addurla. Tanto per non passare da cafoni”.

    Per me Lyndon Johnson aveva ragione in questo senso: quando spieghiamo finiamo spesso per giustificare le nostre parole o le nostre azioni con il rischio che per confezionare una certa leggibilità ignoriamo le preziose sfumature o aperture preziosissime tipiche delle parole, dei gesti o dei canti sospesi. Ma Johnson era texano, portava gli stivali e, uomo di altri tempi, forse si riferiva più semplicemente a una più concreta presa di responsabilità verso le proprie azioni contraddittorie (Vietnam e diritti civili). E infatti era considerato da molti un cafone.

  9. gadilu said

    OK. Fermiamoci qui. A rileggerci, spero, in questo notevole spazio di discussione aperto da Marco.

  10. marcolenzi said

    🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: