Musica leggera

23 marzo 2009

PAPAVERI E PAPERE (spartito)

Leggete questi versi:

 

Alle Terme di Caracalla

i Romani giocavano a palla

dopo il bagno verso le tre

tira tira a me che la tiro a te

o con le mani o coi pie’

 

o questi:

 

Cade la mela dal melo

la pera dal pero è costretta a cascar

cade la pioggia dal cielo

cadono gli uomini in mar

 

Sono versi di canzoni di musica leggera degli anni Quaranta e Cinquanta del secolo scorso, un genere di musica che non esiste più. La prima domanda che sorge spontanea a leggere questi versi non può che essere questa: “Ma, erano tutti degli imbecilli, all’epoca?”. No, non erano imbecilli, anche se ascoltavano queste cose nella più assoluta compostezza, senza ridere né pensare che fossero degli scherzi, come invece si penserebbe oggi (oggi si chiamerebbero tutt’al più, con espressione tanto brutta quanto abusata, canzoni demenziali).

Lungi dall’essere una cazzata, penso sia un argomento molto interessante, questo della musica cosiddetta ‘leggera’. Ancora oggi, per esempio, c’è chi usa questa espressione impropriamente, come sinonimo di musica pop. In realtà non c’è niente di più lontano del Pop dalla musica leggera, niente di più ‘pesante’ – pur nel senso buono del termine – di una canzone di De André o dei Virgin Prunes.

Se oggi questo tipo di musica non esiste più, è perché sono venuti meno quei momenti, quei luoghi, quegli aspetti della vita quotidiana da cui essa prendeva vita e di cui era espressione, e cioè lo svago, il divertimento, l’evasione, la spensieratezza, tutte categorie scomparse dalla vita quotidiana attuale (a meno che non si consideri divertimento l’impasticcarsi e il collassare a un rave, o svago il buttarsi di testa da una gru di sessanta metri con i piedi legati). No, oggi i giovani cercano ‘emozioni forti’, senza essere peraltro mai soddisfatti, mentre ai giovani di sessant’anni fa per provare emozioni forti bastava andare a suonare i campanelli alle porte degli sconosciuti. È proprio questa ‘leggerezza’ ad essere venuta meno, quella tenera effervescenza che traspare dalle foto giovanili dei nostri genitori o dei nostri nonni e che ci fa sorridere, quella spensieratezza che ritroviamo in certi volti, in certi vestiti, in certi portamenti, in certe pettinature dell’epoca.

Annunci

14 Risposte to “Musica leggera”

  1. np (non pervenuto) said

    Bravissimo, bravissimo!
    Devo avere un po’ di tempo, poi ci scrivo!
    n

  2. gadilu said

    Avevo cercato di dire un po’ la stessa cosa, tempo fa, postando questo video su un testo di PPP, a sua volta scritto come recensione per un volume di prosa di Sandro Penna.

    http://sentierinterrotti.wordpress.com/2009/01/24/non-ce-scandalo/

  3. Zapruder said

    Ma voi non riuscite, ad esempio, ad immaginare questi versi
    cantati da un rochissimo Kurt Coibain ?
    (Provateli con alcuni accordi -quelli che vi pare- dei Nirvana: funzionano)

    You know how high the poppies are
    and you’re so small
    and you’re so small
    You know how high the poppies are
    you’ was born duck
    you’ was born duck

    And there’s nothing you can do
    nothing at all
    nothing at all

    Yeah

    Ci sarebbe ancora da lavoraci sopra, certo, ma nessuno batterebbe ciglio nel leggerli sul booklet una compilation di ‘previousy unrealized’ (Yeah)

    [che Kurt mi perdoni e Allah confonda Courtney Love, Amen]

    😉

  4. Tiziano said

    Ci sono un po’ di cose intorno a noi che sono più ‘pesanti’ di quello che dovrebbero essere. Credo che la causa sia un’inclinazione generale alla nevrosi. E’ interessante notare come ai seguenti aspetti della vita venga data più importanza di quanta ne meriterebbero : il confezionamento dei prodotti (dalle relazioni scritte ai regali), l’organizzazione delle feste, i titoli di testa e di coda dei film, il posizionamento delle alberature e delle aiuole nei giardini privati, la cartellonistica dei servizi autoferrotranviarî, la parametrazione oggettiva degli strumenti di valutazione, la segnalazione del limite delle acque sicure, il dolby surround, l’accostamento dei sapori, la certificazione in genere, la testimonianza fotografica…

  5. Tiziano said

    @ Zapruder:

    Ho provato con ‘Heart Shaped Box’ e devo dire che quei versi funzionano egregiamente. Ho visto un poppy gigantesco volteggiarmi sopra il capo e infrangere la volta celeste. Mi sentivo small, skew and beset sotto una pioggia insistente di cristalli. Non c’era niente che potessi fare mentre i poppies si moltiplicavano generando lassù un intreccio in forma di gigantesca scatola rossa a forma di cuore.

  6. np (non pervenuto) said

    caro marco, cari tutti,
    segnalo (così per cronaca, non ho idea del valore del libro):

    GIULIO CASTAGNOLI, le forme della musica
    (http://www.facebook.com/album.php?profile&id=535345474#/group.php?gid=137832410323&ref=nf)

  7. Fabrizio said

    Ciao Marco.
    Se alla musica leggera si toglie la leggerezza, cosa resta?
    Di certo non i Pink Floyd, leggeri come un fumetto di fantascienza degli anni ’60, pesanti (soprattutto agli inizi) di una complessità che è sempre esterna alla cultura. Escluderei per motivi analoghi anche il progressive, Brian Eno e tutto il rock sperimentale.
    No, quel che resta è soprattutto Battiato, e cioè: velleitarietà, culturalismo, la canzonetta spacciata come opera d’arte. E allora meglio il de-pensamento puro delle “Terme di Caracalla” e della “mela dal melo”, petulanti filastrocche degne di Lewis Carroll.

  8. zapruder said

    Ma quanti testi di canzoni sono poco piu’ che ‘filastrocche’, magari non ‘petulanti’ ma filastrocche, non-sense che però, in virtu della musica, si aprono ad una molteplicita’ di letture?
    E siamo sicuri che sia solo la musica a permettere questo salto?

    Se i romani che alle terme (!) dopo il bagno (!!) finiscono a giocare a palla in un pezzo dei ‘Frankie Goes To Hollywood’ ?

    Give it to me
    Give it to me
    I’ll give it to you
    With my hands
    and with my foots
    Whooohaa

    (C’e’ di che essere censurati)

    E i testi composti da Roger Keith Barret per “The piper at the gates of dawn” sono davvero filastrocche?

    @Tiziano
    Belle immagini, complimenti.
    Per “Ducks ‘n Poppies”(Pizzi, Cobain, & The bloggers )
    qualcosa come il video di Anton Corbijn, in effetti, sarebbe figurativamente perfetto
    cfr:

    Pero’ come accordi io pensavo piu’ a “Smells Like Teen Spirit”
    (la metrica e’ quasi identica…)

  9. marcolenzi said

    @ tiziano
    carissimo, tutto bene? 😉

  10. Tiziano said

    😉

  11. da said

    visto che è stato citato Pasolini:
    “Niente di meglio delle canzonette ha il potere magico,abbiettamente poetico, di rievocare un tempo perduto. Le intermittenze di cuore più violente, ceche, irrefrenabili,sono quelle che si provano ascoltando le canzonette.”

  12. Marta said

    Io preferisco di gran lunga le vecchie canzoni tranquilli nei momenti di svago.. mi son fatta registrare, da dei vecchi LP (di Giuliana, portone sotto a quello di nonna Bubi) dimenticati da Dio, una cassetta con repertorio popolare anni 30 e 40. Ormai la so a memoria e chi vuole un passaggio in macchina mia deve necessariamente passare da un “Tulipan” o un Rabagnati balbettante che cerca di strappare una bacio alla piccina di turno! 😀
    Marta

  13. Piruliru said

    Uh, Marco, bel colpo.
    Penso di averlo fatto inconsapevolmente, ma tormento i figlioli con roba tipo la famiglia canterina:

    “il palazzo dirimpetto
    sembra un vero varietà
    c’è un simpatico terzetto
    mamma figlia ed il papà”

    si, vorrei che conoscessero quella leggerezza e un sacco di parole belle e desuete.

    -Antonio-

  14. marcolenzi said

    grande piru, benvenuto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: