Ecco, se a qualche sciagurato dovesse venire in mente di fare ascoltare della musica al mio funerale, vorrei che fosse questa (e nessun’altra).

Troia bustine

19 marzo 2010

La notte del 25 luglio 1992 all’Asilo Notturno di Livorno, uno spazio polivalente che all’epoca era gestito da pittori, registi e musicisti, mi esibii con l’amico Franco Volpi in una performance estrema dal titolo Troia bustine. Si trattava dell’accompagnamento musicale (si fa per dire) dal vivo di Life in the fat lane, un inguardabile e lunghissimo film porno-trash con nani e donne sovrappeso. Sistemammo alla bell’e meglio una scenografia piuttosto scarna, che comprendeva un paio di pupazzi di pelouche impiccati (un orso e un cucciolo di leopardo) e una chiave di plastica che pendeva dal soffitto, e improvvisammo in mutande su un violoncello (io) e su un trombone alternato a un violino (il Volpi), strumenti dei quali né io né l’altro avevamo la benché minima cognizione tecnica. Ricordo che lo spettacolo cominciò molto tardi, intorno all’una di notte, con la sala piena (circa cento persone). Passata la prima mezz’ora erano rimasti in tre; dalla seconda mezz’ora alla fine (la performance durò più di due ore) rimase un’unica, stoicissima ed eroica persona – il carissimo Mago Afono – con un’indescrivibile espressione scolpita sulla faccia.

Nuvole

10 marzo 2010

 

Mi piacerebbe sapere tutto sulle nuvole, e invece so molto poco.

Anche se l’abbiamo visto tutti, è sempre un piacere rivederlo (almeno per me).