Troia bustine

19 marzo 2010

La notte del 25 luglio 1992 all’Asilo Notturno di Livorno, uno spazio polivalente che all’epoca era gestito da pittori, registi e musicisti, mi esibii con l’amico Franco Volpi in una performance estrema dal titolo Troia bustine. Si trattava dell’accompagnamento musicale (si fa per dire) dal vivo di Life in the fat lane, un inguardabile e lunghissimo film porno-trash con nani e donne sovrappeso. Sistemammo alla bell’e meglio una scenografia piuttosto scarna, che comprendeva un paio di pupazzi di pelouche impiccati (un orso e un cucciolo di leopardo) e una chiave di plastica che pendeva dal soffitto, e improvvisammo in mutande su un violoncello (io) e su un trombone alternato a un violino (il Volpi), strumenti dei quali né io né l’altro avevamo la benché minima cognizione tecnica. Ricordo che lo spettacolo cominciò molto tardi, intorno all’una di notte, con la sala piena (circa cento persone). Passata la prima mezz’ora erano rimasti in tre; dalla seconda mezz’ora alla fine (la performance durò più di due ore) rimase un’unica, stoicissima ed eroica persona – il carissimo Mago Afono – con un’indescrivibile espressione scolpita sulla faccia.

Annunci

10 Risposte to “Troia bustine”

  1. Mago Afono said

    Ricordo la serata alla perfezione… L’esatto titolo del film era “LOVE in the fat lane”, chissà se si trova ancora… E poi fui l’unico ad applaudirvi e l’unico al quale vi inchinaste!

  2. monic said

    Mi rammarico di non essere stata presente.
    Ma perchè all’Asili ci ignudava spesso e volentieri?

  3. […] bisognava esserci. Post scritto da finegarten , il venerdì marzo 19 2010 alle 12:03 pm , in Uncategorized, brevi, links Segna il permalink Lascia un commento o un trackback: Trackback URL. potrebbe interessarti anche: Rai.tv + Italia Wave […]

  4. marcolenzi said

    🙂 grazie guylum!

    @ mago
    pazzesco, ricordi anche questi dettagli… sei un archivio stupefacente! un abbraccione, caro, e grazie ancora per la tua incredibile, davvero stoica pazienza di allora (non mi dimenticherò mai la tua espressione alla fine del tutto – avevi uno sguardo come ‘pietrificato’, ah ah ah ah!!!!!)

    @monic
    carissima, non ho ben capito il senso del tuo ‘perché’… non mi ricordo che all’asilo ci si ignudasse spesso e volentieri (anche perché da settembre a giugno ci faceva un freddo boia…), anzi ricordo di una mia messa lì eseguita e da me diretta col cappotto.

  5. da said

    bustine de che?

  6. finegarten said

    beh massimo rispetto per chi suona strumenti che non conosce in mutande sul palco con nani e ciccione nude alle spalle. anche se sono d’accordo: il vero eroe della situazione è l’unico stoico spettatore, sono quelli come lui che fanno la storia (letteralmente, dato che possono raccontarcela 🙂 )

  7. marcolenzi said

    ah ah ah ah ah ah ah!!! grazie finegarten e benvenuto nel mio blog!

  8. Paolo said

    Capisco l’eroico gesto ironico, ma sinceramente non comprendo l’affaticante durata…:D

  9. marcolenzi said

    caro paolo, e il rispetto per il regista, dove lo metti? 🙂

  10. Paolo said

    La domanda mi ha spiazzato, devo imparare ad essere più rispettoso. Mi tornerà in mente tante volte decidessi di esibirmi nudo davanti al parlamento mentre viene proiettato Cinématon, riscuoterei sicuramente più successo di qualunque partito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: