nostalgia infinita

31 dicembre 2010

Spero che Nietzsche abbia ragione e che dunque vi sia un eterno ritorno dell’identico.

Annunci

15 Risposte to “nostalgia infinita”

  1. si capisce molto da questo breve frammento di TV: come era e come è, come eravamo e come siamo.

  2. pedro said

    il mondo va avanti, non si può vivere di nostalgìa.
    Erano tempi diversi, migliori per certe cose, ma peggiori per altre.
    Impensabile oggi che ci siano programmi così di qualità con la TV commerciale.
    Ora con la scusa che “il pubblico lo vuole” ci propinano delle porcate indicibili.
    Bisogna convincerli che quelle porcate non le vogliamo.

  3. marcolenzi said

    caro pedro, innanzitutto benvenuto.
    sono d’accordo con te che non si possa vivere di nostalgia, ma mi farebbe piacere che tu mi indicassi quali tra le cose di allora sarebbero secondo te peggiori di quelle di oggi. un caro saluto.

  4. giuseppe said

    pedro, il mondo va dove lo mandiamo noi. La TV commerciale è una porcata, e la RAI TV di stato si è adeguata. Questa intanto è un colpa prima che un errore grave. Io conosco tante persone che dicono che la TV è una porcata ma la TV la guardano, magari poco (e poco poi scopri essere “solo” 1 ora al giorno: se studi 1 ora al giorno in pochi anni impari una lingua, prendi una laurea anche se fuori corso, diventi un buon tennista, impari a suonare uno strumento, …) ma intanto ce l’hanno almeno il 95% delle persone. E se dici di non averla da anni sei guardato strano ? perché? Se un giornale è una porcata non lo leggo, se una marca fa prodotti schifosi non la consumo. invece ….

  5. marcolenzi said

    dunque, allora, ricapitoliamo. innanzitutto, i programmi iniziavano alle 12.30: la tv rispettava la notte e anche il mattino. iniziavano con SAPERE, rubrica seguita da L’ITALIANO BREVETTATO (cioè DUE TRASMISSIONI CULTURALI!!!!!! la tv iniziava con non una ma due trasmissioni culturali). quindi previsioni del tempo e tg delle 13.30. poi? poi STOP FINO ALLE 17: la tv aveva rispetto anche del primo pomeriggio. alle 17 riprendeva con la tv per i più piccini (con un telegiornale interpolato). poi? dopo la tv dei ragazzi andava in onda UN CONCERTO CON I MIGLIORI DIPLOMATI DEI CONSERVATORI D’ITALIA!!!!! alle 18.45!!!!!!!!! (accendete oggi la televisione alle 18.45 e guardate cosa fanno vedere i centotrentotto canali disponibili, segno tangibile della nostra libertà americana conquistata a fatica contro l’asfissia sovietico-democristiana della tv degli anni sessanta). bene: poi, dopo il concerto? un po’ di puppe, di culi? no. quattro deficienti che urlano? nemmeno. DOPO IL CONCERTO DEI MIGLIORI DIPLOMATI DEI CONSERVATORI DI ITALIA va in onda IL BALLETTO ‘SCACCIAPENSIERI’, seguito da… SAPERE: UN SECOLO DI LOTTE CONTADINE IN ITALIA!!!!!!!!!!!!!!! (ma sarà vero?!?! io non ci posso credere…). comunque, andiamo avanti. dopo ‘sapere’, ‘previsioni del tempo’, ‘cronache italiane’, ‘oggi al parlamento’ e il tg della sera seguito da carosello. poi, dopo carosello? sgarbi? no. mara venier? no. allora simona izzo! macché… dopo carosello andava in onda la seconda puntata di ‘AMERICA LATINA: CAPIRE UN CONTINENTE’, seguita da etc. etc. etc. (basta, non ce la faccio più…). ecco. se poi uno si incazzava perché non c’era luca giurato allora cambiava canale e trovava un film con jerry lewis oppure un documentario su ‘arbat, una strada di mosca’.

    …perché ‘un ci s’ammazza tutti?!
    oggi stesso, alle cinque e un quarto, ammazziamoci tutti.

  6. marcolenzi said

    …e non dico nulla, ovviamente, della prosodia e del timbro vocale di nicoletta orsomando, oltre che del suo modo di presentarsi…

  7. angelo41 said

    Rivangare il passato è decadente.
    Gli anni della gioventù si ricordano meglio e, in qualche modo, si mitizzano. Ciò non toglie che “si stava meglio quando si stava peggio”.
    Oggi in televisione vediamo Ruby di sfuggita, ma con un pò di pazienza, la vedremo condure uno spettacolo
    in prima serata. Vuoi mettere.

  8. marcolenzi said

    angelo, io a sei anni vivevo già di ri’ordi. 🙂

  9. giuseppe said

    io non ricordo cosa ricordassi a 6 anni, forse non li ho mai avuti

  10. angelo41 said

    Se è per questo i miei ricordi sono precocissimi.
    Stavo a Taranto e ricordo i bombardamenti aerei della RAF sulla base navale. Avevo meno di due anni,
    nel 1943, e ricordo l’ululo della sirena e mio nonno
    che mi avvolgeva in una copertina e correva verso il ricovero.
    Queste esperienze restano incarnate nell’essere e, forse, mi hanno segnato.

  11. marcolenzi said

    anche io ho ricordi precocissimi: il primo è la sigla di canzonissima 68, ‘zum zum zum’, che adoravo (avevo un anno e mezzo). mi è sempre piaciuto ricordare perché la memoria è la riserva emozionale più potente, oltre che un perfetto antidoto alle brutture del mondo ‘adulto’.
    insomma, sovra ogni altra cosa adoro pinocchio.

  12. angelo41 said

    Sono d’accordo, anche se eccedere nei ricordi primari, fossilizza l’evoluzione stessa dei ricordi,
    che devono accrescersi e svilupparsi per avere la gioia di rivivere i vari momenti della vita.
    Zum zum zum è andata nel dimenticatoio, ma la canticchio ancora sotto la doccia.

  13. Jacopo Aliboni said

    @ marcolenzi detto
    27 gennaio 2011 a 09:51 (commento finale)

    c’ho provato dal ridere per la tua proposta, ma per sfida arrivai fino alle cinque e mezzo prendendoci pure gusto e smisi.

    Non so dirti perchè, oppure lo so, ma basta lo stesso dirti che capisco il tuo desiderio per la macchina del tempo.
    Senza ombra nostalgica ho venatura di disadattamento. Solo per il semplice unico e inarrivabile, per noi del 2011, gusto di provare l’esperienza fisica e mentale di quegli anni lì.
    Inoltre per sdradicare il patire di un italianità quotidiana orrida, avrei il malsanissimo, ma parecchio malsano, pensiero di provare l’esperienza di essere un stipendiato per leccaculismo di berlusconi e questo non per gusto, ma per invidia d’un pensare che non potrò mai avere né tentare di provare.

    Un saluto

  14. Jacopo Aliboni said

    Ovviamente per non rileggere le cancellature ho lasciato una mutina di troppo…ma come sempre il contenuto farà la tecnica e la tecnica non farà mai il contenuto.

    Ariciao

  15. marcolenzi said

    ciao jacopo, benvenuto nel blog e grazie del contributo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: